Scheda informativa

Dal 27 ottobre 2011 è operativa per l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli - Area Monopoli la procedura informatica relativa alla trasmissione telematica delle richieste agli operatori finanziari e delle relative risposte di all’art. 51, secondo comma, n. 7) , del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 e concernenti dati, notizie e documenti relativi a qualsiasi rapporto intrattenuto od operazione effettuata con i loro clienti. A tal fine viene utilizzato lo stesso sistema di automazione dell’Agenzia delle entrate che richiede agli Operatori finanziari di dotarsi di un indirizzo di Posta elettronica certificata (Pec) tramite cui ricevere le richieste di indagine da parte degli organi preposti ai controlli (Agenzia delle Entrate, Agenzia delle Dogane, Guardia di Finanza e Agenzia delle Dogane e dei Monopoli - Area Monopoli) e trasmettere i dati entro il termine previsto.

Soggetti obbligati e soggetti esclusi

In particolare, oltre agli istituti bancari e Poste Italiane, devono dotarsi di Posta elettronica certificata: le Società di gestione del risparmio (Sgr), le Società di intermediazione mobiliare (Sim), le società fiduciarie, gli Istituti di moneta elettronica (Imel), gli intermediari finanziari, compresi i soggetti che non operano nei confronti del pubblico e iscritti nell'elenco previsto dal Testo Unico Bancario (inclusi i cambiavalute, i confidi, le casse peota). Sono esclusi dall'adempimento gli agenti in attività finanziaria (che agiscono come mono/plurimandatari di altri soggetti) e i mediatori creditizi.

L'elenco completo degli Operatori finanziari è consultabile nell'Allegato 3 del provvedimento del 22/12/2005

Casella di posta certificata (P.E.C.)

Entro 30 giorni dall'iscrizione negli elenchi e albi, l'operatore finanziario è tenuto a comunicare all'Agenzia delle Entrate l'indirizzo di Posta elettronica certificata (secondo il tracciato - Allegato n. 5 al provvedimento del 12/11/2007 ).
La variazione dei dati già comunicati o l'eventuale cancellazione dagli elenchi e albi va trasmessa utilizzando sempre lo stesso tracciato.

Modalità di risposta cumulativa

Con provvedimento del 12/11/2007 sono state introdotte alcune modifiche finalizzate alla semplificazione degli adempimenti da parte degli operatori finanziari. In particolare, è stata prevista la possibilità di cumulare e trasmettere simultaneamente con un'unica transazione le risposte negative.